venerdì 23 aprile 2021

Il Supremo Ultimo - Taiji

Taiji (太极) è un termine della filosofia cinese usato per riferirsi al "supremo ultimo" stato dell'assoluto indifferenziato e potenziale infinito, l'unità prima del dualismo, dalla quale originano le due polarità Yin e Yang.
Si tratta quindi dell'energia allo stato puro, cioè non ancora manifesta, oltre il tempo e lo spazio, ovvero il Wuji (che deriva da Wu - senza, assenza, no e Ji - polarità, polo). Wuji è lo stato non polarizzato, dove l'energia è indifferenziata, uno stato che in ermetismo è chiamato Etere o Akasha.

Il Taiji si deve intendere come il più "alto" concetto concepibile, ciò da cui fluisce l'esistenza, allo stesso tempo non polare, indifferenziato e suprema polarità.

Nella filosofia di Confucio per giungere allo stato di Taiji si pratica costantemente la tecnica dell'osservazione dei pensieri, che possiamo anche chiamare più semplicemente pratica della consapevolezza o presenza.

In questo modo si può conoscere il contenuto della propria mente ed il fatto che i pensieri sono la manifestazione prima che proviene dal Taiji. Osservando i pensieri diventiamo consapevoli del meccanismo di causa ed effetto, di come i pensieri influenzano le emozioni ed i comportamenti.

Tutto ciò ci permette di prendere il controllo di ciò che accade e diventare persone migliori che agiscono in modo migliore e migliorano la società.
Dobbiamo infatti guardare con presenza ai nostri pensieri e comportamenti per metterci nel cammino della virtù.

Ma non solo. Osservare i pensieri permette di raggiungere uno stato in cui i pensieri si estinguono e si sperimenta uno stato di estasi mentale: il taiji.

Tra Cielo e Terra
 
La Linea Intera è Yang.
La Linea Spezzata è Yin.

Diverse interpolazioni tra le polarità danno origine a diverse manifestazioni della realtà.
Una realtà continuamente mutevole ed in perenne trasformazione.
 
I Quattro Digrammi: Estate, Primavera, Autunno e Inverno, possono essere paragonati ai 4 Elementi della tradizione ermetica: Fuoco, Aria, Acqua e Terra, con due elementi attivi e due elementi passivi.

Negli Otto Trigrammi Cielo e Terra sono ancora agli opposti, simbolo delle polarità, nel mondo manifesto... e l'Uomo si pone al centro e ricerca l'Armonia tra gli Opposti.

Scopo della pratica è connettersi all'Immutabile Wuji, alla Suprema Polarità ed osservare i Mutamenti, senza resistere al cambiamento, ma agendo in armonia cercando di approfittare delle situazioni più favorevoli e migliorare il mondo secondo tempi e circostanze opportune.

Il Taiji originariamente è indifferenziato, senza forma e senza intenzione, ma dentro è contenuto un qi unificato. Questo qi circola nell'universo, non c'è punto che non è raggiunto ed è il fondamento di tutte le cose viventi. Quello che è chiamato "un qi" è anche chiamato vero qi unificato e congenito.
Da questo qi nascono i due princìpi; Cielo e Terra iniziano ad essere differenziati, Yin e Yang iniziano ad essere distinti e l'umanità è prodotta come risultato della loro interazione.
Quindi, questo qi è la radice della vita, la fonte della creazione e la base della vita e della morte. Se uno è capace di coltivare questo qi e mantenerlo senza perderlo, vivrà a lungo. Se uno la perde, la sua dispersione porterà a morte prematura. Lo Xingyiquan utilizza esercizi sviluppati da persone per combinare Yin e Yang e per unire la natura, desiderando trasformare Yang in Yin per ritornare da una forma acquisita ad una congenita, mantenendo questo qi e facendolo aumentare negli anni d'oro.

Jin Yunting

Nessun commento:

Posta un commento

Il Supremo Ultimo - Taiji

Taiji (太极) è un termine della filosofia cinese usato per riferirsi al "supremo ultimo" stato dell'assoluto indifferenziato e...