lunedì 21 dicembre 2020

Praticare con la Sfera di Energia Vitale

Una delle pratiche fondamentali più importanti è sensibilizzarsi al fluido vitale tramite la sfera di energia.
 
Si tratta della prima trasformazione alchemica, dal Sale al Mercurio dei Filosofi, dal corpo fisico al corpo energetico, che non è ancora il corpo astrale ma la matrice che connette i due.

Metti le mani una di fronte all'altra e immagina di respirare attraverso le mani creando una sfera di energia vitale. Quando inspiri la sfera si espande come se fosse un palloncino, quando espiri la sfera si contrae.
Sincronizza inspirazione ed espirazione con il movimento delle mani.

Comprimi la sfera, stira leggermente le dita, senti la comprenssione, poi fai piccoli cerchi giocando con il plasma e sentendone la consistenza.

Se non sei sensibile all'energia e non senti nulla, prova prima a sfregare tra loro le mani o a batterle un po' di volte. L'aumento della circolazione sanguigna faciliterà la percezione delle sensazioni cinestesiche. Dopo le prime volte non sarà più necessario.

Gioca con le sensazioni, varia velocità, ritmo e distanza. Solleva verticalmente una mano verso l'alto e l'altra verso il basso e continua a mantenere le sensazioni tra le mani.

Avvicina tra loro le dita, come per tenere in mano una piccola sfera, senti l'energia che fluisce tra le dita e ancora, allontana e comprimi ritmicamente seguendo il ritmo del respiro. Poi sposta la tua attenzione su un dito alla volta: pollici, indici, medi... Allontanale, avvicinale, fai piccoli movimenti rotatori. Divertiti con le sensazioni.

Poi di nuovo tutte le dita insieme e ancora ritorna alla sfera, espandi e contrai, falla girare tra le mani, spostando alternativamente la destra sopra la sinistra e viceversa.

Percepisci ogni sensazione: calore, formicolio, vibrazione, magnetismo...

Porta la mano destra sopra la sinistra e fai una scansione del braccio mantenendo la sensazione dell'energia fra la mano e il corpo e muoviti molto lentamente verso la spalla per poi tornare giù.

Ruota la sfera e ripeti con l'altro braccio. Gioca con il ritmo spingendo e premendo l'energia contro il braccio, come se aggiungessi neve ad un pupazzo di neve. Ripeti dall'altro lato.

Ritorna alla sfera, comprimi, metti le mani a coppa e fai piccoli cerchi. Tieni la mente ferma nello spazio tra le mani, fai circolare l'energia, poi falla scivolare lungo il braccio su e giù. Cambia braccio.

Stira le dita, palmi che si affacciano, porta le mani vicine e mantini l'attenzione nello spazio tra loro con forte volontà e pressione mentale. Condensa il respiro.

Continua a sviluppare la sensazione di premere le mani una contro l'altra ma senza muoverle.

Riporta ancora l'energia sul braccio, scivola, comprimi... sia all'interno sia all'esterno.

Torna alla sfera, respira nella sfera e con la sfera, comprimi ed espandi.

Poi comprimi ulteriormente fino a toccare le dita, mano contro mano e ritorna alla sensazione del corpo fisico, il Sale, la parte più densa del nostro corpo multidimensionale.

E riparti ancora con la sfera ripetendo alcune volte per condizionare bene la connessione, poi ritorna al fisico e la mente si ricontrae all'interno del corpo. Riparti di nuovo, permettendo alla mente di espandersi fuori dal corpo.

Comprimi ancora, tocca le mani e ritorna alle sensazioni fisiche con un massaggio leggero agli occhi, alla faccia, alle braccia ed a tutto il corpo.


Diventa la miglior versione di te stesso.

Nessun commento:

Posta un commento

L'Importanza dell'Ambiente per la Pratica

L'ambiente in cui viviamo influenza tremendamente le nostre abitudini, i nostri comportamenti e quindi anche la nostra pratica. Le perso...