venerdì 2 ottobre 2020

La Tavola di Smeraldo secondo il Trevisano

Bernardo il Trevisano (1406-1490), alchimista, riportò nella sua Opera Chimica la seguente versione della Tavola Smeraldina.

E' cosa vera e senza falsità, ed è certissima che l'alto è della stessa natura del basso, ed il crescente lo è del decrescente.
Sono congiunti da una strada e da una disposizione.
Il sole è il padre, la bianca luna è la madre ed il fuoco è il governatore.
Fai sottile il greve e fai denso il sottile,ed in tal modo avrai la gloria di Dio.

Tutto l'Universo è una grande immensa mente, tutto è mentale, fatto della stessa sostanza a diverso livello di densità.

Il corpo fisico genera energia vitale, che può trasmutarsi in energia astrale, che può trasmutarsi in energia mentale, che può trasmutarsi in energia akashica, che può trasmutarsi in luce non duale.


La luce non duale, viceversa può addensarsi in energia akashica, quindi in mentale, in astrale e vitale, poi fisica. Sono diversi gradi di vibrazione di una stessa sostanza.

Il sole è il padre, è il mentale, è l'idea o lo spirito, che si addensa nella madre luna, nell'astrale.
L'astrale avvolge l'idea, lo spirito e viene impregnato, dando forma e sostanza psichica, e poi la "madre" genera il fisico.
Il fuoco, o energia vitale, è il governatore del fisico. Ed è tramite il fuoco che possiamo cominciare ad operare, regolandone il flusso per poter operare sui vari piani di coscienza / esistenza.
Dall'alto verso il basso e dal basso verso l'alto, la regolazione del regime del Fuoco è uno degli aspetti più importanti dell'Opera.

Ascendere il livello di coscienza verso l'alto e portare idee divine a manifestazione sono le due opere principali dell'alchimista, le due vie su cui opera per unire Cielo e Terra.

Nessun commento:

Posta un commento

Perchè lo strumento dell'Arte non introduce nulla di nuovo nella Natura, della sua radice; ma l'Arte aiutata dalla Natura, glielo in...