mercoledì 30 settembre 2020

I Sette Metalli dell'Alchimia

Johann Georg Gichtel
Theosophia Practica (1638)
In Alchimia si parla spesso di metalli, per la precisione di Sette Metalli, proprio come i Sette Giorni della settimana o le Sette Note o i Sette Astri dell'Antica Astrologia. Tutti questi sette sono in stretta relazione tra loro.

Gli indù utilizzano la simbologia dei Sette Vortici o Sette Ruote (Chakra), mentre gli alchimisti parlano di Metalli o Pianeti quando fanno riferimento alle 7 ghiandole endocrine principali, che in qualche modo potremmo associare ai chakra.

Partendo dal basso, abbiamo 

  • Luna o Argento associato alle gonadi, al centro generativo del corpo umano.
  • Mercurio o Mercurio (unico metallo liquido a temperatura ambiente), associato alle isole di Langerhans nel pancreas.
  • Venere o Rame, associato alle corticosurrenali
  • Sole o Oro, associato al cuore
  • Marte o Ferro, associato a tiroide e paratiroidi
  • Giove o Stagno, associato all'ipofisi
  • Saturno o Piombo, associato all'epifisi
Un'altra associazione di metalli ai centri energetici, a partire dal basso verso l'alto segue l'ordine
  • Piombo (primo centro; anche l'Alchimia Taoista chiama Piombo questo punto)
  • Ferro (secondo centro)
  • Stagno (terzo centro)
  • Rame (quarto centro)
  • Mercurio (quinto centro)
  • Argento (sesto centro)
  • Oro (settimo centro)
Questa sequenza corrisponde meglio al concetto di trasformazione del Piombo in Oro, con una sequenza di apertura verso l'alto della corrente energetica, del Fuoco Segreto.
E' questo Fuoco che va modulato e con cui vanno lavorati tutti i metalli nella fucina dell'Alchimista. E questo Fuoco che andrà a sbloccare il centro che è stato chiuso (piombato) affinchè possa vedere la vera luce (dorata).

Ma i metalli possono avere anche altri significati a seconda del contesto in cui vengono presentati.

Un significato più comune è quello che vede:
  • il pesante Piombo legato al corpo fisico, denso e cristallizzato
  • il fluido Mercurio o il bianco Argento al corpo astrale (o lunare)
  • il lucente Oro al corpo mentale (o solare)

Il piombo è l'essenza spirituale intrappolata nella materia che va "lavorata" nella fucina per farla riemergere nella sua natura di oro. Ecco che il piombo era chiamato "Oro Inverso", cioè l'Oro spirituale nella sua massima densificazione nella materia.

Quando Ferro e Rame sono associati, si fa invece riferimento alle polarità maschili e femminili di Marte e Venere. Ma questo è un ulteriore altro contesto.

Altro utilizzo dei metalli è quello per indicare le varie fasi del processo di trasmutazione alchemica e possono esistere sequenze simboliche differenti.

Nessun commento:

Posta un commento

Perchè lo strumento dell'Arte non introduce nulla di nuovo nella Natura, della sua radice; ma l'Arte aiutata dalla Natura, glielo in...