lunedì 7 settembre 2020

Allenare la Consapevolezza della Mente

 
L'addestramento mentale è costituito di due aspetti principali su cui operare.
 
Il primo aspetto è di tipo inclusivo. E' l'osservazione consapevole degli elementi presenti nel campo mentale.
Il secondo aspetto è di tipo esclusivo. E' l'attenzione concentrata ad uno specifico oggetto nel campo mentale.

Esistono 6 "portali" su cui operare. Uno per ogni canale sensoriale (vista, udito, olfatto, gusto e tatto, le percezioni esteriori), più uno per il pensiero, per la mente più astratta, le percezioni interiori.

L'osservazione consapevole permette di creare un distacco, uno spazio, tra osservatore e ciò che viene osservato. E' un'operazione a sciogliere (il solve degli alchimisti).
E la prima cosa da sciogliere è il legame con i pensieri, l'identificazione con il pensiero, con cui noi siamo già più o meno in stato di aggregazione.

Questi pensieri sono come una programmazione che ci ricorda costantemente chi dobbiamo essere, cosa dobbiamo fare, cosa dobbiamo provare... Il primo passo consiste nello spezzare queste catene, nel liberarsi da questa prigione mentale.
Come si fa a sciogliere il legame? 
 
Osservando  i pensieri, osservandoli e comprendendo con l'esperienza pratica che noi ed il pensiero siamo due cose ben diverse.
All'inizio non sarà semplice, perchè siamo troppo assuefatti, abituati all'idea di essere una cosa sola con i nostri pensieri, ma piano piano la porta verrà scardinata. Con pazienza, tanta pazienza e determinazione.

Osservando i pensieri non dobbiamo "toccarli", altrimenti per loro natura entreranno immediatamente in contatto intimo con la nostra coscienza. Dobbiamo osservarne le caratteristiche.
Quali sono le sue modalità? E' un immagine? E' un suono? E' una sensazione? E' astratto?
Quali sono le sue sottomodalità? E' un'immagine luminosa? Scura? Da che parte arriva?

In questo modo cominciamo a conoscere la mente, come funziona, come si creano le emozioni, i comportamenti, le abitudini...

Con la pratica si sviluppano 3 fasi.
1. Ci si rende conto della separazione tra osservatore ed osservato. Io non sono i miei pensieri, i pensieri non sono me.
2. I pensieri sembrano arrivare da molto lontano e si percepiscono prima della fusione con il corpo mentale
3. L'accumulo di quiete permette di creare una barriera che ci isola dai pensieri e ci permette di decidere quali pensieri possono accedere alla coscienza e quali pensieri non devono entrare.  In questo modo si possono "scollegare" abitudini e dipendenze e sviluppare virtù e qualità spirituali.
 
Bisogna praticare, comprenderlo intellettualmente non è sufficiente, bisogna sentirlo, bisogna sperimentarlo direttamente per vederne gli effetti.
Attenzione. La comprensione intellettuale è una trappola, non è sufficiente, bisogna andare avanti, non è quella la meta.

Quanto praticare? Il più possibile. L'ideale è almeno due ore al giorno in due tranches da un'ora.
Io consiglio di fare mini-sessioni a ripetizione, partendo anche solo con 2 minuti ed aumentando di 1 minuto alla volta, coltivando la sensazione di successo ed una mente stabile.

mercoledì 2 settembre 2020

Le 5 Trasformazioni

L'Alchimia consiste essenzialmente nel trasformare l'energia da uno stato all'altro, da una forma all'altra, in particolare dal fisico al vitale, dal vitale all'astrale, dall'astrale al mentale, dal mentale all'eterico e dall'eterico alla luce non duale.
E' una scala fino al Cielo, illustrata simbolicamente dalla famosa Scala di Giacobbe.
E' una scala a due direzioni attraverso cui si sale e si scende con l'abilità acquisita attraverso la pratica di riorganizzare l'informazione in modo più chiaro, organizzato e strutturato.
L'abilità dell'alchimista è proprio quella di spiritualizzare la materia e portare il divino in Terra, perchè come recita la Tavola di Smeraldo
Come in alto così è in basso
e come in basso così è in alto
per fare il miracolo della cosa una
Per ogni livello ci sono tre aspetti da considerare:
  • come la mente accede a quel particolare livello
  • quali sono le sensazioni che accompagnano quel particolare livello
  • qual è la meccanica di quel livello, ovvero la ritualità che ci permette di accedere a quel livello
Esistono tantissime strategie per trasformare le energie. Esistono un'alchimia ermetica, taoista, indiana, ecc. e si può operare in un'infinità di modi.
La maggior parte di questi metodi non può comunque prescindere dalle abilità di concentrazione e meditazione. Quello che presento qui sotto è uno dei tanti metodi che opera direttamente con l'energia nelle sue varie forme.

Il metodo più rapido (mesi o anni) parte dalla mente che intende accedere ad un determinato livello, per sviluppare le sensazioni particolari di quel livello e produrne la meccanica.
L'operazione inversa, cioè dalla meccanica (la ritualità) alle sensazioni alla mente, è molto più lungo e può richiedere decenni di pratica.

Prima Trasformazione (dal fisico al vitale)
L'energia, sotto forma di tensione, viene trasferita dai muscoli al connettivo attraverso tecniche di respirazione, distensione e rilassamento. 
La meccanica consiste nell'espansione e nello stiramento delle articolazioni. Stira i muscoli e rilascia la fascia, il connettivo.
La sensazione è quella di un fluido estatico che si muove ad alta velocità, istantaneamente, in quanto tutto il corpo è connesso. Concentrarsi sulla sensazione di energia, permette di amplificarne la portata.

Seconda Trasformazione (dal vitale all'astrale)
Per passare dall'energia vitale all'energia astrale si rilascia il tempo, la successione di eventi e si rallenta il movimento, con pause più sostenute durante la respirazione.
La respirazione ed il movimento rallentano accumulando equanimità. La sensazione acquisita è di fluidità, di energia densa e pesante, come un fluttuare nell'acqua, come di essere una barca nell'oceano. La sensazione che si sviluppa è quella di pressione idraulica.

L'equanimità è ciò che permette di muoversi tra i livelli, lungo la "Scala di Giacobbe", il nostro ascensore. Sgancia la mente dal livello a cui è associata e le permette di muoversi liberamente tra livelli e regni.

Terza Trasformazione (dall'astrale al mentale)
Per passare dall'energia astrale all'energia mentale si rilascia lo spazio. Non c'è  più spazio a contenere la mente che diventa pura consapevolezza. Si ha la percezione che tutto l'Universo è Mente. Il corpo mentale si muove come una piuma, il corpo fisico emula questa sensazione di espansione, la testa è sospesa verso l'alto, c'è equilibrio, apertura, gli occhi sono luminosi. 
E' lo spazio della piena presenza.

Quarta Trasformazione (dal mentale all'eterico)
Nel passaggio tra il mentale e l'eterico, sono rilasciati tempo e spazio, e si raggiunge una sensazione di grande fluidità.
La mente è senza spazio nè tempo, è il vuoto che è matrice sotto ogni cosa, energia o informazione.
La sensazione è quella di essere senza confini.
La meccanica è quella del corpo ubriaco, la testa è sospesa e la coscienza è sopra la testa, sopra al chakra della corona.

Quinta Trasformazione (dall'eterico al non duale)
Quando si raggiunge l'eterico si può invitare la luce non duale (non manifesta) attraverso la preghiera di invocazione e sviluppando qualità di umiltà, devozione e reverenza. Si crea una vacuità che invita la luce nei tre corpi (mentale, astrale e fisico).
E' a questo punto che puoi "caricare" un luogo, se pratichi sempre nello stesso punto e questo diventa un punto sacro, di connessione tra Cielo e Terra, dove l'energia è amplificata e magnificata.
Si possono manifestare abilità e qualità attraverso la luce invitata nel corpo, ad esempio la chiaroveggenza. 
In questo modo le qualità divine si portano in Terra.
E si può operare "caricando" piante o animali, o ad esempio semi, acqua, terra e coltivare le essenze da trasformare in preparati. Ma questo è un altro discorso che affronteremo più avanti.

Obiettivo di questo articolo era solo di dare una visione di insieme della trasformazione alchemica per poter avere una mappa operativa.

martedì 11 agosto 2020

The Gift to Be Simple

My Answer to a Student's Question

The Gift to Be Simple è un bellissimo libro di 136 pagine, appena pubblicato, scritto da Virgil, un praticante esperto del sistema ermetico di Franz Bardon, che si è posto l'obiettivo di aiutare tutti i praticanti all'inizio del percorso o, come in questo caso, bloccati nei primi due passi (soprattutto nel primo).

Secondo me Virgil è il numero 1 di tutti gli autori che hanno scritto commentari sull'Iniziazione Ermetica di Bardon, chiaro, motivante, dritto al punto.
Tutti i suoi libri sono altamente consigliati per la chiarezza espositiva e la carica che sa trasmettere.

Batte di gran lunga praticamente tutti gli altri praticanti del sistema di Bardon, ben più famosi e quotati.

Il "Dono di Essere Semplice" è un libro che ho letto quasi tutto di un fiato e ci riporta alla semplicità della pratica, ricordandoci che ci si perde perchè si è costantemente distratti dalle sirene delle mille correnti magico-esoteriche, alla ricerca dei segreti che possono cambiare la nostra vita in un lampo, aprendoci varchi sui mondi sconosciuti, alle centinaia di accorgimenti triviali, legati più a tradizioni specifiche che all'universalità scientifica dell'iniziazione.

mercoledì 5 agosto 2020

The Adept Magician

A rogue agent of reality

è un libro di 125 pagine, scritto da Marten Crawford, credo che ormai sia indisponibile e fuori stampa, anche se ho visto che su Amazon ha ricevuto ottime recensioni.

Il libro si presenta come una raccolta di post su un newsgroup dedicato all'Ermetismo negli anni 2001-2002, quando un certo Jeff si presenta agli utenti come praticante avanzato del sistema magico-ermetico di Franz Bardon.

Non posso dire che i post siano autentici, ma nemmeno posso essere certo che siano del tutto inventati.

Nella prima parte del testo, l'autore illustra alcuni aspetti dell'Ermetismo ed anche alcune semplici tecniche di base come il Lavaggio Magico o la  Nutrizione Magica.
Pensa ad un desiderio che hai. Adesso prepara un po' di cibo con mente chiara. Metti il cibo di fronte  a te e concentrati su di esso. Immagina che il tuo desiderio sia, diciamo, per salute, vitalità, giovinezza e felicità. Adesso immagina che queste qualità siano proiettate profondamente dentro al cibo. Guarda con cura e concentrati sul cibo che adesso ha la proprietà magica della salute.

mercoledì 29 luglio 2020

The First Lesser Arcanum

The First Lesser Arcanum 
Franz Bardon's Secret Key to Divine Realization

è un libro di Johannes H. von Hohenstatten, allievo di Seila Orienta ed è probabilmente il migliore di tutta la serie di Hermetic League, ovvero il filone che fa riferimento al gruppo dell'ermetista tedesco Johnny Schwartz.

Qual è la chiave segreta dell'Iniziazione Ermetica?
Il perfezionamento del carattere chiamato anche Equilibrio degli Elementi che si raggiunge attraverso una profonda introspezione ed autoanalisi con la pratica chiamata gli Specchi dell'Anima.

Il testo fa riferimento ad un altro libro compilato da Pastor Travek in ceco (Introspektion) che è stato parzialmente tradotto in inglese come The Universal Master Key.
Al momento della stesura di questa recensione, Introspektion dovrebbe essere in traduzione.

Questo libretto, di circa 60 pagine approfondisce il lavoro sugli Specchi dell'Anima, lo Specchio Nero dei vizi e difetti e lo Specchio Bianco delle virtù e degli aspetti positivi ed aggiunge un terzo specchietto, che fa riferimento alle caratteristiche divine e quindi un'ulteriore raffinazione dello Specchio Bianco.

mercoledì 22 luglio 2020

Alchemy - The Mysteries of the Philosopher's Stone

A description of the 5th Tarot Card 
According to Franz Bardon

Libriccino di Seila Orienta, che secondo l'autore sarebbe stato scritta dopo richiesta di Franz Bardon (in astrale) di divulgare certe infromazioni.

Meno di cinquanta pagine, rapido da leggere, ma sinceramente non ha incontrato le mie aspettative, anche per alcune affermazioni che mi lasciano un po' così... come anche l'intero capitoletto sulle anime gemelle, un concetto a cui mi resta ormai difficile credere.
Poi chissà tutto è possibile, chi sono io per dirlo?

Comunque l'introduzione afferma di rivelare chiaramente i segreti dell'Alchimia, un po' come fanno tutti i libri di Alchimia, ma il testo è piuttosto confusionario e poco chiaro.  

Per quanto riguarda invece gli aspetti positivi c'è un continuo richiamo al bilanciamento del carattere come fondamento dell'Opera e l'illustrazione del processo in sette fasi come un paragone con i 10 passi di Iniziazione Ermetica.

Le prime tre fasi di Dissoluzione, Fermentazione e Putrefazione che appartengono alla macrofase della Nigredo consistono nella distruzione del vecchio aggregato psichico.

mercoledì 15 luglio 2020

The Book of Anion

The Book of Anion di Seila Orienta è un libriccino di circa 40 pagine che illustra alcuni dei pensieri del discusso ermetista tedesco Jonny Schwartz.

Ad una prima lettura sembra un testo simil gnostico con una visione arcontica della realtà, in cui il piano fisico è visto come inferno, prigione o gigantesca illusione in cui siamo intrappolati dal Re del Mondo.

Oltre questo mondo, oltre questo "specchio" vi è un altro Mondo incommensurabile, oltre il bene ed il male, libero dalla forma.

L'autore illustra poi il mondo in divenire, questo piano fisico èdestinato ad essere trasformat e raffinato in un mondo migliore, simile all'attuale piano astrale. E così tutti gli abitanti devono evolvere e saranno trasformati.

La parte che ho gradito maggiormente è quella in cui illustra la difficoltà del cammino ed è una parte che risuona con me, con tutti i fallimenti che ho avuto finora e tutte le trappole in cui sono caduto e in tutti gli altri praticanti che ho visto fermi da anni, nonostante fossero seguiti da grandi maestri. Alcuni si arrendono, altri continuano testardamente a sbattere la testa contro lo stesso muro, altri cambiano percorso, altri semplicemente si stancano dei loro maestri e si lasciano guidare dalla Provvidenza.

mercoledì 8 luglio 2020

Il Libro d'Oro della Saggezza (The Golden Book of Wisdom)

The Golden Book of Wisdom - A Description of the 4th Tarot Card According to Franz Bardon è un libriccino di Seila Orienta, il discusso ermetista tedesco Jonny Schwartz.

Secondo l'autore il libro, che parte dal frammento di ciò che è rimasto del quarto libro di Franz Bardon, il Libro d'Oro della Saggezza, è stato completato attraverso la lettura del testo originale nei cosiddetti "registri akashici" dove tutto viene conservato.
Che ciò sia vero o meno non spetta a me dirlo.

La lettura del libro, di meno di 50 pagine, è comunque scorrevole e ribadisce diversi principi chiave dell'ermetismo.

Il primo capitolo del libro parla della religione e di come un ermetista, che segue le leggi universali, può appartenere a qualsiasi religione, poichè ogni religione nasce sui principi fondamentali dell'universo e poi viene colorata dalla cultura, dalla popolazione, dal periodo storico.

Un ermetista maturo può appartenere a qualsiasi sistema religioso relativo di sua scelta se necessario per evitare qualsiasi attenzione dai suoi compagni nel mondo. Ma nel suo interiore l'ermetista sarà devoto alla religione universale, che rappresenta le leggi universali. Un iniziato non crede in nulla che non possa analizzare e non adora ciecamente alcuna divinità individuale o idolo.

mercoledì 1 luglio 2020

14 Lezioni di Alchimia

14 Lezioni di Alchimia è un bellissimo libro di Julius Cohen che illustra la Via Alchemica dei cavalieri medievali, la via della spada e della forza per l'ascesa e la conquista di se stessi.

Da sempre appassionato di storia, cavalleria medievale e templari, oltre che praticante di arti marziali, ho trovato questo libro particolarmente affascinante per il lavoro interiore che viene mostrato e celato e rimostrato tra i simbolismi e le pagine di questo libro.

La prima cosa che mi colpisce è il riferimento all'Alchimia come Arte e Scienza.
Si tratta di arte, poichè in queste pratiche vi è qualcosa di sovrumano che sfugge ad ogni definizione, ma si tratta anche di tecniche, di scienza, poichè i procedimenti suggeriti, se applicati correttamente, producono sempre e necessariamente i medesimi risultati, sì da rispondere a quel requisito di ripetibilità che caratterizza ogni processo scientifico.
Quanto sopra poi circa il carattere scientifico della nostra Arte, trova un'ulteriore conferma nella costante uniformità delle sue norme, ancorchè espresse dai vari Autori con linguaggi e similitudini variabili entro una vastissima gamma.

Allenare la Consapevolezza della Mente

  L'addestramento mentale è costituito di due aspetti principali su cui operare.   Il primo aspetto è di tipo inclusivo . E'...