sabato 16 dicembre 2017

Problemi, Obiettivi e gli Specchi dell'Anima

I problemi della nostra vita ci indicano ciò che dobbiamo cambiare in noi stessi.

Se vogliamo ottenere qualcosa e non riusciamo a raggiungerlo è perchè c'è qualcosa in noi che ce lo impedisce, che ci blocca e che ci limita.

C'è una mancanza di equilibrio tra gli Elementi...

Ad esempio la mancanza di ordine, la scarsa produttività e la totale disorganizzazione spesso sono legate ad un eccesso dell'elemento Aria, se si tratta in prevalenza di confusione e caos, oppure dell'elemento Terra se si tratta in prevalenza di pigrizia e letargia.

Lo strumento dello Specchio Nero dell'Anima, nel primo livello (che preferisco chiamare Malkuth) di Iniziazione all'Ermetica è indispensabile per catalogare e comprendere quali siano le fonti dei nostri problemi nella vita di tutti i giorni.

Lo strumento dello Specchio Bianco dell'Anima ci permette invece di capire quali siano i nostri veri punti di forza, quali sono i fattori che ci hanno permesso di ottenere i nostri successi e di raggiungere i nostri obiettivi nella vita.

Magari l'intraprendenza dell'elemento Fuoco, la comunicatività dell'Aria, l'empatia dell'Acqua o la perseveranza della Terra.
E' attraverso le esperienze della nostra vita che noi forgiamo noi stessi, che ci trasformiamo giorno dopo giorno in persone migliori. Nelle applicazioni quotidiane noi possiamo riportare gli Elementi in equilibrio e verificare che il lavoro che stiamo facendo è corretto e porta frutto. Altrimenti restano solo fantasie.

Ed è grazie ai rapporti con gli altri che noi conosciamo noi stessi. Gli altri sono lo specchio in cui ci riflettiamo ogni giorno, gli eventi stessi sono lo specchio in cui ci possiamo guardare più a fondo.

La vita è la nostra maestra ed il nostro feedback continuo.

Grazie allo specchio della vita noi diventiamo più consapevoli di noi stessi, dei nostri pensieri e delle nostre emozioni, dei nostri comportamenti e delle nostre abitudini.
E solo quando siamo consapevoli dei nostri problemi, anzi meglio ancora... delle radici che causano i nostri problemi, allora possiamo cambiare, possiamo migliorare e diventare diversi... diventare migliori.

Lo studio e la pratica esoterica sono quindi profondamente radicati nella quotidianità ed è importante anche qui porsi degli obiettivi nel modo corretto.

In PNL (Programmazione Neurolinguistica) si dice che gli obiettivi devono essere SMART (intelligenti).

 Si definisce S.M.A.R.T. un obiettivo:
  • Specifico, cioè che non lascia spazio ad ambiguità;
  • Misurabile senza equivoci e verificabile in fase di controllo;
  • raggiungibile (dall'inglese Achievable), poiché un obiettivo non raggiungibile demotiva all'azione allo stesso modo di uno facilmente raggiungibile;
  • Rilevante da un punto di vista organizzativo, cioè coerente con la mission;
  • definito nel Tempo.
    (Fonte Wikipedia)
"Voglio imparare a meditare" non è un obiettivo ben formato.

"Voglio essere in grado di mantenere il vuoto mentale per 10 minuti durante la mia meditazione entro il 30 giugno 2018" è un obiettivo ben formato.

E' specifico --> 10 minuti di vuoto mentale (senza pensieri)
E' misurabile --> tempo e numero di pensieri
E' raggiungibile --> 6 mesi sono un tempo sufficiente con una pratica adeguata
E' rilevante --> poichè è una pratica su cui si fondano tutte le altre dei livelli successivi
E' definito nel tempo --> 30 giugno 2018, ha una data entro cui raggiungerlo.

Siamo alla fine dell'anno, quindi questo è un ottimo periodo per riflettere sui nostri punti deboli, sui nostri punti di forza e per porre le basi del nostro miglioramento continuo attraverso obiettivi specifici da raggiungere nell'anno che verrà.

Nessun commento:

Posta un commento

Il Problema del Male

Il problema del Male è molto sentito tra gli studenti di esoterismo. Varie filosofie affrontano il male in modi diversi. L' Alc...