Hunab-Ku

Nel profondo centro della Via Lattea, c’é un Buco Nero che la comunitá scientifica chiama Sagitarius A e che i Maya chiamavano Hunab-Ku, il Creatore dal quale fluisce la Consapevolezza che organizza materia e antimateria agendo attraverso periodiche ed estreme esplosioni di Energia dal centro galattico.
Hunab Ku è il ventre materno che costantemente dà la nascita a nuove stelle e che ha originato il nostro sole e il sistema planetario connesso.

Il tempo secondo i Maya si muove in modo circolare, ciclo dopo ciclo. Esiste un inizio ed una fine, che poi riprende ogni volta con un nuovo ciclo. Quindi l'Alfa coincide con l'Omega, inizio e fine in un ciclo continuo.
Il Calendario Maya di Lungo Computo prevede per il 21 dicembre 2012 un allineamento cosmico tra Terra, Sole, le Pleiadi e il centro della Via Lattea, l'Hunab Ku.
In questa data è previsto il ritorno di Quetzalcoatl.

7 commenti:

  1. Salve, mi volevo complimentare per il bellissimo blog...uno dei miei preferiti...ti seguo sempre continua così ;)

    RispondiElimina
  2. signoradiperelandra10 maggio 2011 06:49

    Ciao, anche io ho scoperto da poco il tuo Blog e l'ho messo fra i miei preferiti. E' bello e ben fatto, complimenti! E grazie per condividere!
    Una domanda: ho trovato alcuni riferimenti a Samael Aun Veor, ho frequentato per un anno una scuola che si ispirava ai suoi insegnamenti, poi me ne sono (consapevolmente) allontanata. Mi piacerebbe scambiare qualche idea in proposito, se ne hai una conoscenza sufficiente: fammi sapere.

    RispondiElimina
  3. Sì, ho frequentato anche io per un bel periodo una scuola ispirata a SAW. Poi me ne sono (consapevolmente) allontanato... ora ne seguo un'altra, sempre ispirata a SAW. Sono felice di scambiare idee al riguardo. Anzi mi farebbe piacere discuterne sul forum se ti va, anche perchè ci sono altri utenti che seguono altri gruppi. Ciao

    RispondiElimina
  4. signoradiperelandra23 maggio 2011 07:31

    Mi intimidisce un po' parlarne in tanti... io sono una... ricercatrice solitaria?
    Forse mi posso definire così, anche se non amo le definizioni. Non mi sento in grado di confrontarmi su scuole, denominazioni, ecc. Cerco nei libri e nelle persone quello che risuona nel mio cuore, e provo a seguirlo, cerco di staccare l'interruttore alla testa, che è troppo abituata a blaterare, bla, bla, bla... (ho studiato filosofia!) ma così capisco che è difficile confrontarsi con altri e avere un linguaggio comune.
    Se non ti dispiace, iniziamo fra noi due, poi magari in un secondo momento continuiamo in piazza.
    Dunque, io ho frequentato la scuola di Gnosi Cristiana che qui in Italia (ma anche a livello mondiale, mi risulta) è diretta fa Rafael Vargas. Rafael e Leyda, sua moglie, mi sono sembrate due bravissime persone, molto rispettose della libertà personale di noi partecipanti, ma...
    1) io ho fatto troppa fatica per liberarmi dagli "schemi istituzionalizzati" della chiesa cattolica per poi andarmi a cacciare in un'altra realtà che ho sentito pure molto "istituzionalizzata", ritualizzata, schematica... Secondo me l'Essere è una realtà talmente più grande di noi, che noi possiamo solo cercare di coglierne un pezzettino alla volta, e non rinchiuderlo in gerarchie, schemi, ecc., tutte categorie più piccole, e non più grandi, della nostra mente.
    2. Non potevo fare a meno di provare un grande urto di nervi nel leggere la prosa di Samael, piena zeppa di avverbi, di "naturalmente", "ovviamente", "chiaramente", ecc. che si riferiscono a cose che non sono affatto né naturali, né chiare, né ovvie. Ho una buona padronanaza dello spagnolo, e sono sicura che non si tratta di problemi di traslazione linguistica, che invece corrispondono proprio a una mentalità, e quella mentalità mi ripugna, senza contare che poi si traduce anche in un culto della personalità che aborrisco.
    Mi piacevano, invece, molto le pratiche che facevamo assieme, in parte continuo a praticare anche dopo due anni che ho lasciato, Ma anche in questo caso mi sembra che per poter progredire all'interno del gruppo bisogna condurre uno stile di vita che, invece che portare nel mondo una vita spirituale, finisce invece per isolare dal mondo. Vabbé ci sono anche altre cose, ma intanto mi piacerebbe confrontarmi su queste.
    Ciao, e grazie!

    RispondiElimina
  5. Premetto che non ho partecipato a gruppi dal vivo. Ho seguito per un certo periodo il corso di AGEAC e il corso in spagnolo di ICQ (che porto tutt'ora avanti). Un amico segue il corso dell'AGI, altri amici seguono altre "scuole" di cui ora non ricordo il nome, ma posso sempre chiedere.

    Le diverse "etichette" hanno un modo tutto loro di rapportarsi con gli studenti. Ho ritenuto ICQ il meno istituzionalizzato, il più libero e mostra pian piano il contenuto di tutte le camere. Che poi credo sia lo stesso dei libri di SAW.

    Non vado matto per tutto ciò che dice Samael nei suoi scritti, anzi ci sono parecchie cose che mi lasciano perplesso e di cui non ho ancora mai avuto risposte esaurienti.

    Non credo siano problemi di traduzione, quanto una forma voluta di dare per scontato... che si chiama "presupposizione", se conosci un po' di pnl o ipnosi sai di che parlo.

    Alcune delle pratiche le trovo valide, altre meno... ad esempio sono piuttosto allergico ai mantra, la maggior parte dei quali trovo assurdi.

    Spero di esserti stato di aiuto. Ciao.

    RispondiElimina
  6. signoradiperelandra1 giugno 2011 04:45

    Sì, molte grazie!
    Intanto esplorerò un po' quello che trovo su Internet a proposito di AGEAC e AGI.
    A presto!

    RispondiElimina