Il Rituale Magico

Tu sei responsabile della tua realtà!
Ottieni ciò che vuoi!
L'energia va dove la mente vuole!

Questi sono tre assiomi legati strettamente alla magia, ma anche ai vari movimenti di visualizzazione creativa, pensiero positivo, The Secret, Silva Mind...
Ma vediamo che cos'è un Rituale Magico.

1. Pensa a qualcosa che vuoi che succeda
2. Inventa un rituale o scegline uno tra quelli esistenti

Nelle diverse tradizioni i rituali possono essere diversissimi tra di loro, ma tutti hanno un profondo significato simbolico.
Un rituale può essere veramente di ogni tipo, quello che si deve fare è avere una rappresentazione di ciò che si vuole ottenere, di persone o oggetti, dell'atto che porta al risultato voluto.
Si possono usare simboli, sigilli, visualizzazioni, si può fare una danza, recitare formule... tantissime e diversissime cose... l'importante è che vi sia una forte intenzione ed un obiettivo ben formulato.

3. Decidi che il rituale significa la stessa cosa che tu vuoi
4. Fai il rituale
5. Attendi il risultato
Il risultato si manifesterà in termini di coincidenze, ma mi raccomando di dichiarare esattamente quello che si desidera perchè l'universo restituirà esattamente quello che chiediamo.
Se nel desiderio c'è "spero di fare molte vendite oggi" quello che otterrai sarà sperare di fare molte vendite e quindi anche nessuna.
Bisogna essere specifici e chiari.

3 commenti:

  1. È davvero così semplice ?
    Se bisogna semplicemente volere una cosa ( Vedo il rituale come atto di volontà ), perché spesso la cosa non avviene ?
    Basta inventarsi un rituale per far accadere quello che si vuole ?
    Ad esempio se io voglio ottenere una promozione a lavoro, mi basta fare un rituale per ottenerla ?
    E se dovessi venir licenziato ?

    RispondiElimina
  2. In teoria è davvero semplice... dice Gesù nel Vangelo "Se avessi una fede grande come un granellino di senape, potresti dire a questa montagna sradicati e piantati nel mare e lei lo farebbe all'istante".
    Il problema è che dentro di noi ci sono molti "Io", molti pensieri, molte emozioni e non seguono tutte la stessa direzione. Magari una vuole, ma un'altra pensa che non te lo meriti, un'altra pensa che non è giusto nel confronto degli altri, un'altra che non sarai capace di mantenere la promozione... e così via.
    Il rituale può essere un aiuto, così come gli All Blacks neozelandesi fanno la loro Haka prima di una partita di rugby... ma questo non è sufficiente, occorre allenarsi, allenarsi e allenarsi per vincere tutte le partite.

    RispondiElimina
  3. Grazie per la spiegazione.

    RispondiElimina