Hitler, il mago nero

La storia raccontata sui libri, ha sempre qualcosa che ci tiene nascosto. :)

Pochi infatti sanno che Hitler dedicava gran parte del suo tempo all'occultismo ed allo studio dell'esoterismo. Secondo sue amicizie di infanzia a Linz (Austria), Adolf Hitler era ossessionato dall'occultismo e dal paranormale, fin dal 1904 quando questi assistette ad un'opera di Wagner dedicata al tribuno Cola di Rienzo. Dal quel giorno disse di avere una "missione che il destino gli aveva riservato". Proprio in quell'occasione infatti si sentì come "posseduto" per la prima volta da una forza superiore.

Il suo interesse per l'occulto crebbe vertiginosamente, studiando le tematiche di Wagner, il misticismo orientale, l'astrologia, l'ipnosi, la mitologia germanica ed arrivando ad identificarsi, ritenendosi una reincarnazione, con Landolfo II di Capua, scomunicato nell'875 per pratica di magia nera applicato con lo scopo di ottenere il potere assoluto.
L'identificazione con Landolfo II aveva anche un'origine organica... essendo quest'ultimo monorchide come Hitler (ovvero con un solo testicolo)


Lo stesso Hitler si stupiva delle sue parole durante i famosi discorsi pubblici... proprio come se in quei momenti fosse posseduto da un'altra entità, come se non le stesse pronunciando lui. La stessa entità con cui era entrato in contatto fin dal 1904.

Nel 1909 Hitler prese contatto con Jorg Lanz Von Liebenfall, ex-frate fondatore di un ordine esoterico denominato "I Nuovi Templari" che predicava anche la superiorità della razza germanica. Tra i vari aspetti della mitologia l'assonanza tra il regno degli dei nordici Asgard e Agartha, il mitico centro spirituale.

Ad Agartha vivrebbero esseri capaci di cose inaudite, in grado di usare quell'energia che noi abbiamo ormai dimenticato: il Vril. Un'energia che comunque può essere ancora risvegliata ed utilizzata, in quanto è presente ancora in tutti noi, ma è "addormentata".

Secondo la Società tedesca Thule una catastrofe avrebbe distrutto la civiltà di Uomini Superiori che si sarebbe divisa in parte spostandosi ad Agartha ed in parte nel nord dell'Europa, dando origine così alla razza ariana.

1 commento:

  1. Ti consiglio di leggere anche HIllmann, "Il codice dell'anima" e "Un terribile amore per la guerra"-.

    RispondiElimina