Come può il lavoro con la bioenergia migliorare la mia salute?

Il lavoro con la bioenergia può dare grandissimi benefici per la salute psicofisica.

Innanzitutto permette di muovere la bioenergia in tutto il corpo eliminando progressivamente blocchi e ristagni, rilassando i gruppi muscolari contratti e favorendo il libero flusso di sangue, ossigeno ed elementi nutritivi.

Migliora quindi la circolazione sanguigna, ma anche la trasmissione del segnale bioelettrico dal cervello alle varie parti del corpo, migliora la percezione sensoriale ed anche la coordinazione del movimento.
Con un segnale migliore ed una mente più focalizzata i comandi del cervello saranno rapidamente eseguiti.

Inoltre con la pratica si aumenta il livello di bioenergia nel corpo che può essere percepito soggettivamente con la pratica della cosiddetta psi-ball, con la percezione magnetica tra le mani.

Dieci, quindici minuti di pratica al giorno per cominciare possono già dare un grande miglioramento.
In due-tre mesi di pratica regolare si osserverà un drastico aumento della percezione al test bioenergetico.

L'importante è essere regolari. Non ha senso fare un'ora di pratica e poi smettere per giorni e giorni, poi riprendere con una full-immersion e poi magari tralasciare nuovamente. 

Con mezz'ora al giorno di alcune pratiche base, come il risveglio della bioenergia, la forma base e la tecnica del pupazzo di neve (illustrate nelle lezioni della scuola di bioenergia), si ottengono già risultati eccezionali anche nell'aspetto fisico e nell'età dimostrata.
Si sviluppano inoltre aspetti più profondi come l'emissione di feromoni o la produzione di linfociti NK (Natural Killer), particolarmente importanti nella distruzione di cellule tumorali e infette da virus.
Aspetto molto importante da considerare è senza dubbio la stabilità emozionale per un flusso più equilibrato degli ormoni nel corpo.

Sconsiglio invece di superare le due ore di pratica per evitare problemi di sovraccarico, sbalzi ormonali/emozionali e dolori muscolari, principalmente nella bassa schiena.

Per condizionare il sistema bioenergetico è necessaria costanza e pratica quotidiana ed una progressione equilibrata. Se poi si deve saltare qualche giorno non è un dramma, ma poi bisogna recuperare la quotidianità della pratica.

Evitare aumenti esagerati senza sviluppare prima un supporto nervoso sufficientemente adeguato e fare rilassamenti quotidiani o sessioni di meditazione sono altre condizioni indispensabili per ottenere il massimo beneficio.

Nessun commento:

Posta un commento