mercoledì 16 ottobre 2019

Il Piano Fisico è Essenziale all'Evoluzione Spirituale

Suo padre è il Sole, sua madre è la Luna. il Vento l'ha portato nel suo ventre: la Terra è la sua balia.(Tavola di Smeraldo)

Solo attraverso il mondo fisico è possibile l'illuminazione e l'evoluzione spirituale, perchè solo nel mondo fisico è possibile sperimentare tutti gli stati di coscienza e portarli insieme in un'unica forza.

L'evoluzione spirituale... ma che cos'è?
Evoluzione significa cambiare ed adattarsi alle nuove circostanze per la sopravvivenza dell'individuo.
In questa frase vorrei evidenziare tre parole che sono cambiare, sopravvivenza ed individuo.

Il cambiamento è l'unica costante. Nelle mutevoli condizioni della vita possiamo procedere solo se cambiamo e ci trasformiamo e ci adattiamo ad un nuovo modo di vedere, percepire e vivere.
La sopravvivenza alla morte è il grande obiettivo del Percorso Esoterico e per sopravvivere occorre costruire un corpo di energia denso e potente capace di rimanere integro nonostante la dissoluzione del corpo fisico che non potrà più rifornire energia a sufficienza.

E sopravvivere significa anche mantenere la memoria di chi siamo. Perchè se noi ci reincarniamo, ma ogni volta perdiamo la conoscenza di chi siamo, non c'è molta differenza con la dissoluzione.

Ed infine la terza parola chiave è individualità
Ognuno pratica per se stesso e non può fare altrimenti. Altrimenti non sarebbe il Cammino del Risveglio Personale.
Una persona può dare il buon esempio, ma non può praticare per un'altra persona, non può meditare per un'altra persona, non può cambiare per un'altra persona.
Spiritualità è consapevolezza di sè... non la salvezza del mondo.

Ognuno è responsabile per se stesso, per il proprio cammino, per il proprio risveglio. Noi siamo i "figli delle nostre azioni" (come riportava Eliphas Levi).

Non sarà un dio distante, la mente cosmica o una razza aliena a salvarci.
Bisogna guardare dentro di sè al proprio Sè Interiore, alle proprie energie, alla propria comprensione, alla propria espressione e realizzazione.

Uno dei più grandi errori della pratica esoterica è fuggire dal mondo reale e cercare una realtà illusoria. Gli Alchimisti dicevano che si doveva "versare in Terra", cioè applicare nella quotidianità quanto veniva appreso.

I problemi che affrontiamo nella nostra vita ci indicano esattamente su ciò cui dobbiamo lavorare e sulle idee che dobbiamo cambiare relativamente a noi stessi o gli altri. Se poi affrontiamo questi problemi del tutto inconsapevolmente o con piena consapevolezza può fare una grande differenza.
E come diceva Josè Silva, il fondatore del metodo Silva, noi siamo qui per correggere i problemi che incontriamo ogni giorno, per rendere il mondo migliore di come lo abbiamo trovato.

Diventiamo persone migliori rendendo il mondo migliore, con l'esempio. E risolvendo problemi diventiamo più bravi nel farlo, con maggiori capacità mentali, energetiche ed anche fisiche.

La tua vita fa schifo e fuggi nello studio della Magia, dell'Alchimia e dell'Astrologia? Non troverai nulla qui.
Oppure, vuoi cominciare a mettere i pezzi a posto, ritrovare l'Armonia Interiore e risolvere i problemi che incontri giorno per giorno? Questa è la tua Via. 
Qui troverai gli strumenti, qui potrai incrementare le tue facoltà e le tue capacità per operare...
Qui e ora. Non chissà quando e chissà dove.

martedì 8 ottobre 2019

CITAZIONI - Gustav Meyrink

"Immortale in verità non è che l'uomo risvegliato. Astri e Iddii tramontano, egli solo resta e può mandare a compimento tutto ciò ch'egli vuole. Non c'è Dio sopra di lui"
Gustav Meyrink
Introduzione alla Magia Vol. 1
Gruppo di Ur

Pratica di Malkuth in Assiah (Terra)

La Risalita lungo il percorso della Mappa dell'Albero della Vita parte dal piano più denso di Malkuth, in Assiah, il piano dell'azione, il piano più materiale.

Qui tutto il lavoro pratico consiste nell'innalzare il livello energetico e la vitalità con pratiche integrate nella vita quotidiana.

Ogni atto pratico diventa quindi un atto magico, un atto di risveglio dell'energia interiore.
Si tratta pertanto di atti fisici che hanno come obiettivo anche quello di incrementare la salute del praticante.

L'assorbimento di energia è notevolmente maggiore quando è fatto con coscienza di causa. Questa è la vera differenza tra una pratica magica ed una normale pratica di salute ed anche gli effetti sono notevolmente differenti.

Stimolazione dei nervi superficiali

Consiste nella stimolazione dei nervi che corrono lungo la superficie del corpo attraverso l'uso di una spazzola di crine o del semplice passaggio delle mani.
Vanno stimolate principalmente le braccia, le gambe ed il tronco.
  • Aiuta ad associare maggiormente la mente con il corpo (l'incarnazione e ricordo che Malkuth è il Regno del Dio Incarnato)
  • Promuove la crescita e lo sviluppo delle fibre nervose
  • Promuove l'omeostasi del sistema immunitario ed endocrino
  • Sviluppa la sensibilità all'energia vitale (qi, ki, heku, mercurio....)

 

Mobilità ed attività fisica

Il lavoro di rilascio delle tensioni ha un profondo impatto sul campo emozionale ed energetico, pertanto è necessario dedicarsi quotidianamente a tecniche di mobilità che permettano il miglior flusso di sangue, linfa, ossigeno, sostanze nutritive, ormoni e tutto ciò che possiamo chiamare mercurio per sviluppare un corpo ad alta energia.

 

Doccia fredda

La doccia fredda è una pratica conosciuta in tutto il mondo e da epoche antiche che ha una profonda influenza sulla circolazione sanguigna e sull'omeostasi del corpo.

 

Alimentazione

Non voglio dedicare troppo spazio, per ora, a questo paragrafo. La linea guida in generale è mangiare sano ed in modo equilibrato e cibi più naturali possibili.
Mangiare consapevolmente immaginando e sentendo di assorbire l'energia vitale del cibo è essenziale per aumentarne enormemente la carica.

 

Respirazione

Ci sono tantissime tecniche di respirazione che potrei consigliare, dal pranayama al metodo Buteyko. Anche qui è essenziale praticare consapevolmente con l'intenzione di assorbire energia.

martedì 1 ottobre 2019

Malkuth - Il Regno di Dio Incarnato

"Voi invece cercate prima il Regno di Dio e fate la sua volontà: tutto il resto Dio ve lo darà in più"
Matteo 6,33

Malkuth significa "Il Regno" ed è la sfera più bassa dell'Albero della Vita. E' il luogo di azione e manifestazione.

Nella mappa del Macrocosmo rappresenta il piano fisico in tutte le sue manifestazioni materiali, viventi e non viventi, sia sul pianeta Terra che in tutti gli altri pianeti e sistemi stellari.

Nella mappa del microcosmo rappresenta il corpo fisico (in ebraico Guph) e all'interno del corpo fisico la parte di contatto con la terra: i piedi nella posizione eretta, il perineo nella posizione seduta, oppure anche l'ano come organo di escrezione.

Si tratta della parte più fisica, ma non la meno spirituale. Teniamo conto che tutte le sfere sono costituite dalla medesima Fonte e della medesima Energia, semplicemente hanno uno stato di densificazione diversa. Così come il ghiaccio ed il vapore sono differenti nella manifestazione, ma costituiti entrambi di acqua.

A tal proposito vi è una frase che recita "Malkuth è Kether e Kether è Malkuth", a cui fanno eco altre frasi più famose "Come in alto così in basso" e "Come in cielo, così in terra"

venerdì 6 settembre 2019

Introduction to Hermeticism

Ho riletto con piacere "Introduction to Hermetism - Its Theory and Practice" che, come dice bene il titolo, è una introduzione all'Ermetismo di circa 50 pagine scritta da Mark Stavish, direttore dell'Institute for Hermetic Studies.

Il sottotitolo dice "la sua teoria e pratica", ma di pratica c'è molto poco, se non un'introduzione (e forse è questo che intendeva l'autore) al Trivium Ermetico di Magia, Alchimia e Astrologia, con un breve cenno ai Tarocchi

I punti principali del libro sono:
1. la figura di Thoth-Hermes
2. la storia dell'Ermetismo attraverso i secoli, che è la parte che ho apprezzato maggiormente, in quanto permette di tracciare un file rouge attraverso eventi, personaggi storici, organizzazioni segrete del passato, fino ai giorni nostri.

CITAZIONI - Corpus Hermeticum

Ordina alla tua anima di recarsi in India, ed essa vi giungerà, più rapida del tuo ordine; poi comandale di raggiungere l'oceano e sarà lì in un istante, come se non avesse viaggiato da un luogo all'altro, come se fosse già lì.

Ordinale di volare su nel cielo ed essa lo farà, senza bisogno di ali: niente può opporle ostacoli, nè la fiamma del sole, nè l'etere, nè la rivoluzione del cielo, nè i corpi degli altri astri, ma, solcando tutti gli spazi, essa volerà al più remoto dei corpi celesti.

E se tu volessi volare i confini dello stesso universo e contemplare ciò che vi è aldilà (se vi è qualcosa) anche questo ti sarebbe possibile.
Corpus Hermeticum
L'Intelletto a Ermete
11, 19

martedì 3 settembre 2019

L'Albero della Vita, una Mappa dell'Infinito

"Così egli scacciò l'uomo; e pose ad est del giardino di Eden i cherubini, che roteavano da tutt'intorno una spada fiammeggiante, per custodire la via dell'albero della vita." Genesi - Bibbia (trad. Nuova Diodati)
L'Albero della Vita è un modello che rappresenta l'intero cosmo, sia il Macrocosmo (l'Universo), sia il microcosmo (l'Uomo).

Il modello fa la sua apparizione nel III secolo all'interno del misticismo ebraico e si è poi sviluppato a partire dal XIII secolo (soprattutto nelle comunità francesi e spagnole) e fino al Rinascimento con aggiunta di elementi non ebraici, ad esempio simboli astrologici o il simbolismo dei tarocchi, fiorendo ampiamente all'interno dell'ermetismo rinascimentale.

Lo Schema dell'Albero della Vita è strutturato in:
  • 10 Sfere o centri (o emanazioni o sephiroth)
  • 3 Pilastri
  • 3 Veli
  • 22 Sentieri (associati alle lettere dell'alfabeto ebraico ed ai Tarocchi) che insieme alle 10 sfere formano le
  • 32 vie della Saggezza
  • 4 Mondi
  • Il Percorso del Fulmine
  • La Risalita del Serpente
Si tratta di un'ottima mappa, ma come come dice un assioma della PNL "La mappa non è il territorio" ed ogni mappa porta con sè sempre vantaggi e svantaggi.

lunedì 2 settembre 2019

CITAZIONI - Eliphas Levi

"Il destino dell'uomo, come abbiamo detto, è di farsi o creare se stesso; lui è e sarà il figlio delle sue opere per il tempo e per l'eternità"

"Tutti gli uomini sono chiamati a concorrere, ma il numero degli eletti, vale a dire quelli che riescono, è sempre piccolo. In altre parole, gli uomini desiderosi di essere qualcosa sono in gran numero e gli uomini di elite sono sempre rari"
Eliphas Levi
Dogme et Rituel de l'Haute Magie - Tome II
(Le Cerimonial des Inities)

giovedì 29 agosto 2019

La Tavola di Smeraldo

La Tavola di Smeraldo è un testo tradotto dall'arabo al latino nel XIII secolo che secondo la tradizione fu scritto da Ermete Trismegisto, il dio Thoth degli Egizi.

Geber (Djabir-Ibn-Hayyan), il celebre alchimista arabo, lo menzionò già in un suo scritto dell'VIII secolo, ma la sua diffusione in latino della Tabula Smaragdina cominciò nel XII secolo grazie alla traduzione del vescovo Hugo Sanctelliensis di Tarazona, in Spagna.

Ne trattarono nei loro scritti anche Alberto Magno (vescovo domenicano tedesco), Bernardo il Trevisano, Roger Bacon (francescano inglese, italianizzato in Ruggero Bacone), Johannes Trithemius (abate benedettino tedesco, italianizzato in Tritemio), Heinrich Khunrath (medico tedesco), Michael Maier, (medico tedesco), Isaac Newton (fisico inglese), Eliphas Levi (esoterista francese), Madame Blavatsky e molti altri.


martedì 27 agosto 2019

CITAZIONI - Julius Evola

Da Agrippa è stato ricordato che "la dignificazione dell'uomo costituisce la chiave di tutte le opere magiche, è la cosa arcana, necessaria e segreta per operare in tale Arte". Questo è un concetto di validità generale. Solitamente da una "dignità naturale" (nella quale a detta dello stesso Agrippa, possono aver parte certi fattori "fatali") viene distinta una dignità acquisita con i propri sforzi, con una precisa regola di vita ed anche con "una certa religiosità".
Julius Evola
Lo Yoga della Potenza
(I Presupposti e gli Strumenti per la Pratica)